Rating di legalità

RATING DI LEGALITA’

r

BENEFICIARI

Tutte le imprese (sia in forma individuale che societaria) che soddisfano cumulativamente i seguenti requisiti:

  • sede operativa in Italia;
  • fatturato minimo di due milioni di euro nell’esercizio chiuso nell’anno precedente a quello della domanda;
  • iscrizione nel registro delle imprese da almeno due anni alla data della domanda.

DI COSA SI TRATTA

Il rating di legalità viene concesso previa istanza all’Autorità garante per la concorrenza ed il mercato, con la quale l’imprenditore dichiara di rientrare in tutte le condizioni previste dalla normativa.

Il punteggio viene attribuito in “stellette”, da una a tre sulla base di parametri di comportamento etico e legale che si riferiscono sia all’azienda che alle persone fisiche di vertice della stessa.

Per ottenere il punteggio minimo è necessario che l’azienda abbia i seguenti requisiti:

  • mancanza di misure di prevenzione, cautelari e condanne per i reati elencati dalla normativa in capo ai soggetti che hanno o hanno avuto nell’anno precedente poteri decisionali all’interno dell’impresa,
  • non avere azioni penali in corso per reati di stampo mafioso,
  • non aver subito condanne ai sensi del D.Lgs. 231/2001,
  • non aver subito condanne da parte di Agcom e della Commissione Europea per illeciti antitrust e pratiche commerciali scorrette,
  • essere in regola dal punto di vista fiscale, retributivo, contributivo, assicurativo, della sicurezza sul lavoro,
  • effettuare i pagamenti in maniera tracciabile,
  • non essere fra coloro che non hanno restituito finanziamenti pubblici revocati,
  • non essere destinataria di provvedimenti dell’Autorità anticorruzione,
  • non essere soggetta a interdittive antimafia o a commissariamenti anticorruzione.

Il punteggio minimo è una stelletta, i punteggi ulteriori possono essere raggiunti in presenza di elementi di valore aggiuntivi, quali l’adesione ai protocolli o alle intese di legalità sottoscritti dal Ministero dell’Interno, l’adozione del modello organizzativo 231, l’adesione a programmi promossi da organizzazioni nazionali o internazionali di Corporate responsibility e l’acquisizione di indici di sostenibilità, l’iscrizione a una delle cc.dd. “white list” di fornitori non soggetti a tentativi di infiltrazione mafiosa, l’adesione a codici etici di autoregolamentazione adottati dalle associazioni di categoria o la previsione, nei contratti con i propri clienti, di clausole di mediazione per la risoluzione di controversie o l’adozione di protocolli tra associazioni di consumatori e associazioni di imprese per l’attuazione delle conciliazioni paritetiche, l’adozione di modelli organizzativi di prevenzione e di contrasto della corruzione.

Il rating è valido due anni è può essere di volta in volta rinnovato.

Vantaggi
  • Maggiore accessibilità ai bandi per contributi e finanziamenti pubblici: Le Pubbliche Amministrazioni quando predispongono i bandi per l’assegnazione di contributi o finanziamenti devono stabilire, per le aziende in possesso del Rating di Legalità, un sistema di premialità basato sulla preferenza nella formazione delle graduatorie, sul punteggio aggiuntivo ai fini della valutazione e sulla riserva di una quota delle risorse finanziarie;
  • Migliore accesso al credito bancario e migliori condizioni economiche: Le Banche sono obbligate a tenere conto del rating di legalità ai fini della riduzione dei tempi e dei costi di concessione del finanziamento e ai fini delle condizioni economiche di erogazione (sono peraltro obbligate ad inviare alla Banca d’Italia una dettagliata relazione motivando i casi in cui neghino il credito a condizioni di favore alle aziende in possesso del Rating di Legalità);
  • Appalti pubblici: Nel nuovo Codice degli Appalti (D.Lgs. 50/2016) è prevista una riduzione del 30% dell’importo della garanzia da produrre per chi è in possesso del rating di legalità. È prevista inoltre la possibilità di inserire nel bando di gara criteri premiali in relazione al maggior livello di rating di legalità;
  • Miglioramento dell’immagine aziendale: Non c’è dubbio che ottenere il Rating di Legalità influisca positivamente anche sull’immagine dell’azienda sia nei confronti di fornitori che di clienti. Il Rating di Legalità infatti è indice di affidabilità e correttezza dell’azienda per il suo comportamento etico e legale.

 

COSA FACCIAMO PER IL CLIENTE

  • Analisi della struttura aziendale e raccolta documentazione
  • consulenza sulle strategie per aumentare il punteggio del rating
  • Predisposizione e invio della domanda

PER MAGGIORI INFORMAZIONI





Ho letto ed accetto la privacy

Stampa