Legge di bilancio 2021

 

Legge di bilancio 2021 – SINTESI DELLE AGEVOLAZIONI PREVISTE

mini ires

Ecco cosa prevede, in breve, la legge di bilancio 2021

CREDITO D’IMPOSTA PER RICERCA, SVILUPPO, INNOVAZIONE E DESIGN

La legge di bilancio ha ulteriormente potenziato questa misura, fondamentale per le aziende che fanno innovazione, con formula retroattiva agli investimenti effettuati nel 2020, arrivando ad agevolare fino al 20% dei costi sostenuti. La valenza retroattiva ai costi 2020 ha suscitato perplessità sulle coperture finanziarie, ma il testo di legge non lascia dubbi e soltanto un intervento del legislatore può riportare le aliquote 2020 a quelle previste dalla normativa precedente: qui la scheda completa

CREDITO D’IMPOSTA PER L’ACQUISTO DI BENI STRUMENTALI

Anche questa misura è stata potenziata ed ampliata: dal 2021 sarà infatti possibile agevolare anche l’acquisto di software ed è prevista un’aliquota più favorevole per l’acquisto di tecnologie necessarie allo smart working: vai alla scheda.

MISURE “INDUSTRIA 4.0”

Anche le misure volte a promuovere la strategia “industria 4.0” sono state prorogate e potenziate: guarda nel dettaglio le novità per l’acquisto di beni, software, e per la formazione.

FONDO PER L’ATTUAZIONE DEL NEXT GENERATION EU-ITALIA – CONTRIBUTI ALL’INNOVAZIONE E ALLA COESIONE TERRITORALE

Il comma 1068 della legge di bilancio ha stanziato 250 milioni l’anno fino al 2023 per agevolare l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature produttive nell’ambito di investimenti rivolti all’innovazione e alla coesione sociale e territoriale. Il contributo sarà in misura pari al 40 per cento dell’ammontare complessivo di ciascun investimento. Le domande saranno valutate in ordine cronologico fino ad esaurimento fondi. Si attende l’attivazione dello sportello da parte di Invitalia.

FONDO D’INVESTIMENTO NELLE PMI DEL SETTORE AERONAUTICO, CHIMICA VERDE, FABBRICAZIONE DI COMPONENTI PER LA MOBILITA’ ELETTRICA E LA PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI 

Il Fondo (previsto dal comma 124) finanzia con 100 milioni di Euro interventi nel capitale di rischio finalizzati allo sviluppo delle PMI del settore , quali fusioni, aggregazioni, acquisizioni, riorganizzazioni, ristrutturazioni, rafforzamento del capitale per gli investimenti volti alla transizione tecnologica e alla sostenibilità ecologica e ambientale dei processi produttivi. Per l’attuazione della misura si attende il decreto attuativo.

DETASSAZIONE DELLE INIZIATIVE ECONOMICHE NELLE ZES 

Il comma 173 della legge di bilancio prevede, per le imprese che intraprendono una nuova iniziativa economica nelle Zone economiche speciali (ZES) , la riduzione dell’imposta sui redditi del 50 per cento a decorrere dal periodo d’imposta nel corso del quale è stata intrapresa la nuova attività e per i sei periodi d’imposta successivi, a condizione che:

  •  mantengano la loro attività nella ZES per almeno dieci anni;
  • conservino i posti di lavoro creati nell’ambito dell’attività avviata nella ZES per almeno dieci anni.

IMPRENDITORIA E OCCUPAZIONE FEMMINILE:

Numerose sono le misure della legge di bilancio volte a colmare il gap di genere in termini di occupazione e imprenditorialità. Per tutte è necessario attendere le norme di attuazione:

  • Fondo per il sostegno alle imprese che organizzano il rientro al lavoro delle lavoratrici dopo il parto (50 milioni);
  • Fondo a sostegno dell’impresa femminile (comma 97): finanziato con 20 milioni di Euro, il fondo mira a sostenere l’avvio dell’attività, gli investimenti e il rafforzamento della struttura finanziaria e patrimoniale delle imprese femminili, con specifica attenzione ai settori dell’alta tecnologia, attraverso contributi a fondo perduto, finanziamenti a tasso zero e agevolati, sottoscrizione di strumenti finanziari, assistenza tecnico-gestionale, formazione e promozione della cultura d’impresa in particolare nei settori nei quali le donne sono sottorappresentate;
  • Fondo di sostegno al venture capital: per il 2021 sono stati stanziati 3 milioni per investimenti nel capitale di rischio in progetti di imprenditoria femminile ad elevata innovazione proposti da società nelle quali la quota di maggioranza del capitale è posseduta da donne;
  • Ente nazionale per il microcredito: sono stati stanziati 800.000 € per progetti di microimprenditoria femminile.

MISURE A FAVORE DEL SETTORE AGRICOLO

 Anche per il settore agricolo la legge di bilancio ha previsto diverse misure agevolative, tutte in attesa di norme di attuazione:

  • Il fondo per lo sviluppo e il sostegno delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura, con una dotazione di 150 milioni di euro (comma 128);
  • Il Credito d’imposta per le reti di imprese agricole e agroalimentari (comma 131), previsto per la realizzazione o l’ampliamento di infrastrutture informatiche finalizzate al potenziamento del commercio elettronico, con particolare riferimento al miglioramento delle potenzialità di vendita a distanza a clienti finali residenti fuori del territorio nazionale, per la creazione, ove occorra, di depositi fiscali virtuali nei Paesi esteri per favorire la stipula di accordi con gli spedizionieri doganali e per le attività e i progetti legati all’incremento delle esportazioni;
  • Il fondo destinato allo stoccaggio privato dei vini DOC, DOCG e IGT in impianti situati nel territorio nazionale, con una dotazione di 10 milioni di euro (comma 134);
  • Il fondo per la suinicoltura, finanziato con 10 milioni di euro da erogare a fondo perduto per la realizzazione di progetti  che migliorino la sostenibilità nelle aziende;
  • Il fondo per la tutela e il rilancio delle filiere apistica, brassicola, della canapa e della frutta a guscio, con una dotazione di 10 milioni di euro.

FONDO D’INVESTIMENTO NELLE PMI CREATIVE 

Il Fondo (previsto dal comma 109) finanzia con 20 milioni di Euro interventi destinati a:

  1. promuovere la nuova imprenditorialità e lo sviluppo di imprese del settore creativo;
  2. promuovere la collaborazione delle imprese del settore creativo con le imprese di altri settori produttivi, in particolare quelli tradizionali, nonché con le università e gli enti di ricerca;
  3. sostenere la crescita delle imprese del settore anche tramite la sottoscrizione di strumenti finanziari partecipativi a beneficio esclusivo delle start-up innovative e delle piccole e medie imprese innovative;
  4. consolidare e favorire lo sviluppo del sistema imprenditoriale del settore creativo attraverso attività di analisi, studio, promozione e valorizzazione.

Per la concreta attuazione delle misure agevolative si attende il decreto del MISE.

CONTRATTI DI SVILUPPO

I contratti di sviluppo vengono rifinanziati e potenziati e viene abbassata la soglia minima di investimento per alcune tipologie di intervento, che passa da 20 a 7,5 milioni: vai alla scheda.

RIFINANZIAMENTI DI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE

Sono diverse le misure per le imprese rifinanziate e potenziate con la legge di bilancio:
  • La Nuova Sabatini (acquisto agevolato di macchinari e attrezzature): vai alla scheda;
  • Le misure SIMEST per l’internazionalizzazione delle imprese: vai alla scheda;
  • Il bonus pubblicità per gli investimenti su giornali e riviste: vai alla scheda;
  • Gli interventi del fondo patrimonio PMI: vai alla scheda;
  • Il credito d’imposta per la patrimonializzazione delle imprese di medie dimensioni: vai alla scheda;
  • Sono state prorogate le agevolazioni per l’edilizia: l’ecobonus per il risparmio energetico, il bonus facciate e il superbonus al 110%:
  • Prorogate e ampliate anche alcune misure di contrasto alla pandemia, in particolare il “bonus locazioni” e il “bonus centri storici”.

INCENTIVI ALL’AUTOMOTIVE

La legge di bilancio ha previsto anche per il 2021 ulteriori incentivi al rinnovo dei veicoli e dei veicoli commerciali:

Acquisto (anche in leasing) di un veicolo di categoria M1 (veicolo a motore destinato al trasporto di persone, con al massimo otto posti a sedere oltre al sedile del conducente), di classe non inferiore ad Euro 6:

Con rottamazione Senza rottamazione
CO2 g/km Contributo (euro) Contributo (euro)
0-20 6.000+2.000* 4.000+1.000*
21-60 2.500+2.000* 1.500+1.000*
61-135 1.500

Acquisto fino al 30 giugno 2021 di veicoli commerciali di categoria N1 nuovi di fabbrica o autoveicoli speciali di categoria M1 nuovi di fabbrica:

Massa totale a terra (tonnellate) Veicoli esclusivamente elettrici Ibridi o alimentazione alternativa Altre tipologie di alimentazione
0-1,999
Con rottamazione 4.000 2.000 1.200
Senza rottamazione 3.200 1.200 800
2-3,299
Con rottamazione 5.600 2.800 2.000
Senza rottamazione 4.800 2.000 1.200
3,3-3,5
Con rottamazione 8.000 4.400 3.200
Senza rottamazione 6.400 2.800 2.000

ESONERI CONTRIBUTIVI

Sono stati prorogati gli incentivi in decontribuzione per l’occupazione di giovani e donne lavoratrici, con maggiorazioni per il Mezzogiorno, e quelli per chi non usufruisce della cassa integrazione. L’incentivo “resto al Sud” è stato esteso agli under 56.

 


Contattaci

Stampa