Superbonus 110%

SUPERBONUS 110%

ECO

BENEFICIARI

Tipologia

Sono ammessi all’agevolazione:

  • i condomini
  • le persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni
  • gli Istituti autonomi case popolari (Iacp)
  • le cooperative di abitazione a proprietà indivisa
  • le Organizzazioni non lucrative di utilità sociale
  • le associazioni e società sportive dilettantistiche

La detrazione spetta ai soggetti che possiedono o detengono l’immobile oggetto dell’intervento in base ad un titolo idoneo (proprietario, del nudo proprietario o del titolare di altro diritto reale di godimento come usufrutto, uso, abitazione o superficie) nonché dei familiari del possessore o detentore dell’immobile.
I titolari di reddito d’impresa o professionale rientrano tra i beneficiari nella sola ipotesi di partecipazione alle spese per interventi trainanti effettuati dal condominio sulle parti comuni.

Ubicazione geografica

Territorio Nazionale Italiano

PROGETTI AMMISSIBILI

Attività agevolabili

Il Superbonus spetta in caso di interventi trainanti:

  • interventi di isolamento termico sugli involucri con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda;
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni;
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti;
  • interventi antisismici: la detrazione già prevista dal Sismabonus è elevata al 110% per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021.

Rientrano nel Superbonus anche le spese per interventi eseguiti insieme ad almeno uno degli interventi principali di isolamento termico, di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale o di riduzione del rischio sismico. Si tratta di:

  • interventi di efficientamento energetico:
  • installazione di impianti solari fotovoltaici e sistemi di accumulo;
  • infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici.

Spese ammissibili

Sono ammissibili le spese sostenute dal 1° luglio al 31 dicembre 2020.

Con riferimento agli interventi di isolamento termico sono ammissibili spese pari a:

  • 50.000 euro, per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari funzionalmente indipendenti site all’interno di edifici plurifamiliari;
  • 40.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio, se lo stesso è composto da due a otto unità immobiliari;
  • 30.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio, se lo stesso è composto da più di otto unità immobiliari.

Con riferimento alla sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sono ammissibili spese pari a:

  • 20.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio, per gli edifici composti fino a otto unità immobiliari;
  • 15.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio, per gli edifici composti da più di otto unità immobiliari;
  • 30.000 euro per le unità immobiliari singole.

Con riferimento all’installazione di impianti solari fotovoltaici la detrazione è calcolata su un ammontare complessivo delle spese stesse non superiore a 48.000 euro, e comunque nel limite di spesa di 2.400 euro per ogni kW di potenza nominale dell’impianto solare fotovoltaico, per singola unità immobiliare. L’incentivo non è cumulabile con lo scambio sul posto.

Con riferimento alle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici la spesa massima prevista è di 3.000 euro.

Limiti o Spese NON ammissibili

LIMITI INTERVENTI TRAINATI

  • Riqualificazione energetica globale di edifici esistenti – 100.000 euro di detrazione
  • Involucro di edifici esistenti (per esempio, pareti, finestre, tetti e pavimenti) – 60.000 euro di detrazione
  • Installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda – 60.000 euro di detrazione
  • Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale – 30.000 euro di detrazione
  • Schermature solari – 60.000 euro di detrazione
  • Dispositivi multimediali per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento, di produzione di acqua calda, di climatizzazione delle unità abitative – Nessun limite
  • Microcogeneratori – 100.000 euro di detrazione
  • Sismabonus – spesa massima 96.000 euro

AGEVOLAZIONE

Forma tecnica e Intensità

Detrazione fiscale del 110% .

In alternativa:

a) sconto sul corrispettivo dovuto, di importo massimo non superiore al corrispettivo stesso, anticipato dal fornitore di beni e servizi relativi agli interventi agevolati. Il fornitore recupera il contributo anticipato sotto forma di credito d’imposta di importo pari alla detrazione spettante, con facoltà di successive cessioni di tale credito ad altri soggetti, ivi inclusi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari

b) cessione di un credito d’imposta corrispondente alla detrazione spettante, ad altri soggetti, ivi inclusi istituti di credito e altri intermediari finanziari, con facoltà di successive cessioni.

Durata

La detrazione va ripartita in 5 quote annuali di pari importo.

OPERATIVITÀ

Scadenze

Le spese per le quali può essere richiesta la detrazione devono essere state sostenute tra il 1° luglio e il 31 dicembre 2020.

Criteri di erogazione

Per poter utilizzare la detrazione sono necessari:

  • il visto di conformità dei dati relativi alla documentazione, rilasciato dagli intermediari abilitati alla trasmissione telematica delle dichiarazioni (dottori commercialisti, ragionieri, periti commerciali e consulenti del lavoro) e dai CAF;
  • l’asseverazione tecnica relativa agli interventi di efficienza energetica e di riduzione del rischio sismico, che certifichi il rispetto dei requisiti tecnici necessari ai fini delle agevolazioni fiscali e la congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI





Ho letto ed accetto la privacy

Maggiori informazioni

Stampa