PATRIMONIO IMPRESA LOMBARDIA

PATRIMONIO IMPRESA LOMBARDIA

BENEFICIARI

Tipologia

Linea 1: imprese individuali o società di persone e liberi professionisti attivi da almeno 12 mesi che decidano di trasformarsi in società di capitali entro 60 giorni dalla concessione dell’agevolazione e prima di presentare la domanda abbiano deliberato un aumento di capitale pari ad almeno 25.0000,00;

Linea 2: PMI già costituite in forma di società di capitali attive da almeno 36 mesi e in possesso di almeno due bilanci che prima di presentare la domanda abbiano deliberato un aumento di capitale pari ad almeno 75.000,00 €. Sono ammesse all’agevolazione anche le imprese agromeccaniche iscritte all’apposito albo.

Sono escluse le cooperative e i loro consorzi.

Ubicazione geografica

Sede legale e/o operativa in Lombardia. Per i professionisti viene preso in considerazione il domicilio fiscale.

PROGETTI AMMISSIBILI

Attività agevolabili

Linea 1: un’operazione di aumento di capitale del valore minimo di 25.000 €.

Linea 2: un’operazione di aumento di capitale di almeno 75.000 € e un programma di investimento pari ad almeno il doppio del contributo finalizzato a: attrazione investimenti, reshoring e back shoring; riconversione e sviluppo aziendale, anche finalizzati alla valorizzazione del capitale umano; transizione digitale; transizione green.

Spese ammissibili

Per il contributo a fondo perduto è ammissibile il valore dell’aumento di capitale deliberato, sottoscritto e versato.

Il contributo a fondo perduto verrà riconosciuto sia per la Linea 1 che per la Linea 2 a fronte di aumenti di capitale, già deliberati alla data di presentazione della domanda ma successivamente alla data di pubblicazione della delibera di istituzione della misura, che comportano l’effettiva iniezione di nuove risorse finanziarie nell’impresa e non operazioni contabili di conferimento di riserve, apporto di beni o similari. In caso di aumento di capitale che vada a parziale copertura delle perdite, l’aumento minimo di capitale aggiuntivo rispetto alle perdite deve essere almeno pari a 25.000,00 euro.

L’aumento di capitale può coinvolgere soggetti nuovi o preesistenti nella compagine societaria e aventi qualsiasi natura giuridica.

Per il programma di investimento previsto dalla linea 2 sono ammissibili le spese sostenute per l’acquisto di:
a) macchinari, impianti di produzione, attrezzature, arredi nuovi di fabbrica necessari per il conseguimento delle finalità produttive (sono inclusi gli automezzi purché non destinati al
trasporto merci su strada);
b) software & hardware;
c) marchi, di brevetti e di licenze di produzione;
d) opere murarie, opere di bonifica, impiantistica e costi assimilati, anche finalizzati all’introduzione di criteri di ingegneria antisismica nel limite del 20% delle precedenti lettere a), b) e c) e costituiscono spesa ammissibile solo se direttamente correlate e funzionali all’installazione dei beni oggetto di investimento;
e) consulenze strategiche e tecniche nel limite del 10% delle voci precedenti.

AGEVOLAZIONE

Forma tecnica e Intensità

Linea 1: contributo a fondo perduto pari al 30% dell’aumento di capitale sottoscritto e versato fino ad un massimo di 25.000,00 €. Il contributo andrà iscritto in una riserva non distribuibile da utilizzare per i futuri aumenti di capitale sociale.

Linea 2: contributo a fondo perduto pari al 30% dell’aumento di capitale deliberato e sottoscritto fino ad un massimo di 100.000,00. Il contributo andrà iscritto in una riserva non distribuibile da utilizzare per i futuri aumenti di capitale sociale.

I soggetti che presentano domanda per la linea 2 possono chiedere anche un finanziamento a medio-lungo termine concesso da Finlombarda s.p.a. garantito all’80% della durata massima di 72 mesi e di importo pari al massimo 4 volte il valore dell’aumento di capitale versato e comunque nel limite dell’80% del valore dell’investimento ammissibile; in ogni caso il finanziamento sarà compreso tra un minimo di 36.000,00 € e un massimo di 1.000.000,00 €.

OPERATIVITÀ

Scadenze

Apertura sportello dall’8 luglio 2021 (ore 12) all’8 novembre 2021 (ore 17).

Durata stimata dell’istruttoria

60 giorni dalla presentazione della domanda. Il contributo viene erogato in un’unica soluzione previa verifica dell’integrale versamento del capitale deliberato.

Criteri di selezione / elementi premianti

Le domande vengono valutate in ordine cronologico. Qualora venga richiesto il finanziamento, accederanno alla fase di valutazione economico-finanziaria le imprese che, superata la verifica formale, presentano almeno 2 dei seguenti indici di bilancio con valori soglia in linea con quelli indicati:
− Posizione Finanziaria Netta /Margine Operativo Lordo <=5 con Margine Operativo Lordo pari alla media ultimi 3 esercizi chiusi (se disponibili);
− Patrimonio Netto/Totale attivo >=20% con Patrimonio Netto e Totale attivo rilevati da ultimo bilancio approvato, aumentati dell’importo dell’aumento di capitale deliberato e del contributo richiesto;
− Margine Operativo Lordo con valore positivo negli ultimi 3 bilanci approvati (se disponibili).
Il rispetto di tali indici è condizione sufficiente per l’accesso alla fase di valutazione economico-finanziaria; per la concessione del finanziamento assistito di garanzia saranno effettuate ulteriori verifiche di merito creditizio.
Nel caso in cui l’istruttoria economico-finanziaria abbia avuto esito negativo, al Soggetto Richiedente verrà concesso il solo Contributo, fermo restando l’obbligo di realizzare l’investimento.

COSA FACCIAMO PER IL CLIENTE

  • Identificazione delle spese ammissibili
  • Identificazione della cumulabilità delle medesime spese con altri strumenti di agevolazione pubblica
  • Progettazione e presentazione della domanda di agevolazione pubblica
  • Rendicontazione delle attività effettivamente svolte

PER MAGGIORI INFORMAZIONI





Ho letto ed accetto la privacy

Stampa