- ISINET - https://isinetconsulting.it -

BANDO PER CONTRIBUTI ALLA DIGITALIZZAZIONE – CCIAA DI TREVISO-BELLUNO

BANDO PER CONTRIBUTI ALLA DIGITALIZZAZIONE – CCIAA DI TREVISO-BELLUNO

BENEFICIARI

Tipologia

Micro, Piccole e Medie Imprese

Ubicazione geografica

Sede legale e/o unità locali nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio di Treviso-Belluno.

PROGETTI AMMISSIBILI

Attività agevolabili

MISURA A: acquisizione di servizi di consulenza finalizzati all’introduzione delle seguenti tecnologie di innovazione tecnologica I4.0, inclusa la pianificazione o progettazione dei relativi interventi, erogati esclusivamente da un fornitore con le caratteristiche richieste dal bando

Elenco 1: tecnologie abilitanti

  1. a) soluzioni per la manifattura avanzata
  2. b) manifattura additiva
  3. c) realtà aumentata e realtà virtuale
  4. d) simulazione
  5. e) integrazione verticale e orizzontale
  6. f) internet delle cose e delle macchine
  7. g) cloud
  8. h) cybersecurity
  9. i) big data e analytics
  10. j) Intelligenza artificiale
  11. k) Blockchain
  12. l) soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della catena di distribuzione
  13. m) soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività;

Elenco 2: altre tecnologie digitali, purché propedeutiche o complementari a quelle previste al precedente Elenco 1:

  1. a) sistemi di e-commerce;
  2. b) sistemi di pagamento mobile e/o via Internet;
  3. c) sistemi fintech;
  4. d) sistemi EDI, electronic data interchange;
  5. e) geolocalizzazione;
  6. f) tecnologie per l’in-store customer experience;
  7. g) system integration applicata all’automazione dei processi;
  8. h) tecnologie della Next Production Revolution (NPR);
  9. i) programmi di digital marketing
  10. j) consulenza su sistemi per lo smart working e il telelavoro;
  11. k) connettività a Banda Ultralarga
  12. l) soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale dettate dalle misure di contenimento legate all’emergenza sanitaria da Covid-19

 

MISURA B: acquisto di beni strumentali di cui agli allegati A e B della L. 11 dicembre 2016 n. 232 e s.m.i.

Spese ammissibili

Ogni impresa può presentare una sola domanda di contributo a valere su una o – contestualmente – entrambe le Misure.

Con riferimento alla misura A, è richiesto che i fornitori abbiano i seguenti requisiti:

  • centri di ricerca e trasferimento tecnologico, Competence center di cui al Piano Industria 4.0, parchi scientifici e tecnologici, centri per l’innovazione, Tecnopoli, cluster tecnologici ed altre strutture per il trasferimento tecnologico, accreditati o riconosciuti da normative o atti amministrativi regionali o nazionali;
  • incubatori certificati di cui all’art. 25 del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179 convertito, con modificazioni, dalla L. 17 dicembre 2012, n. 221 e s.m.i. e incubatori regionali accreditati;
  • FABLAB, definiti come centri attrezzati per la fabbricazione digitale che rispettino i requisiti internazionali definiti nella FabLab Charter (http://fab.cba.mit.edu/about/charter/);
  • centri di trasferimento tecnologico su tematiche Industria 4.0 come definiti dal D.M. 22 maggio 2017 (MiSE);
  • start-up innovative di cui all’art. 25 del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179 convertito, con modificazioni, dalla L. 17 dicembre 2012, n. 221 e s.m.i. e PMI innovative di cui all’art. 4 del D.L. 24 gennaio 2015 n. 3, convertito, con modificazioni, dalla L. 24 marzo 2015, n. 33;
  • ulteriori fornitori a condizione che essi abbiano realizzato nell’ultimo triennio almeno tre attività per servizi di consulenza alle imprese nell’ambito delle tecnologie di cui all’art. 2, comma 1, del presente Bando. Il fornitore è tenuto, al riguardo, a produrre una autocertificazione attestante tale condizione da consegnare all’impresa beneficiaria prima della domanda di contributo.

Nell’ambito della Misura A sono ammissibili solo i costi direttamente riguardanti la fornitura dei servizi di consulenza previsti dal Bando. I servizi di consulenza non potranno in nessun caso riguardare:

  • assistenza per acquisizione di certificazioni (es. ISO, EMAS, ecc.);
  • supporto e assistenza per adeguamenti a norme di legge o di consulenza/assistenza relativa, in modo preponderante, a tematiche di tipo fiscale, finanziario o giuridico.

Nell’ambito della Misura B non sono in ogni caso ammissibili spese per l’acquisto di beni destinati ad essere ceduti in comodato d’uso a terzi nonché investimenti effettuati in leasing, con contratto di locazione o altre forme assimilabili.

Eventuali costi di installazione, montaggio e allacciamento sono ammissibili entro il limite massimo del 10% del valore dei beni acquistati.

Gli investimenti devono essere strettamente coerenti e correlati con l’attività esercitata dall’impresa.

I beni devono essere nuovi e regolarmente iscritti nella contabilità aziendale nelle categorie immobilizzazioni materiali e immateriali dell’attivo dello stato patrimoniale dell’impresa.

Sono ammissibili i costi di consulenza per la predisposizione del Piano di Innovazione digitale dell’impresa, come pure i costi della perizia tecnica giurata di cui all’art. 8, comma 2, lett. f).

In fase di presentazione della domanda deve essere specificato il riferimento a quali ambiti tecnologici si riferisce l’intervento.

AGEVOLAZIONE

Forma tecnica e Intensità

Contributo a fondo perduto pari al 50% della spesa ammissibile, 60% in caso di rating di legalità

Misura Investimento minimo Importo massimo del contributo
a) acquisto di servizi di consulenza euro 4.000,00 euro 6.000,00
b) acquisto di beni strumentali euro 5.000,00 euro 12.000,00

 

Importo massimo del contributo erogabile euro 18.000,00

Durata

Sono ammissibili gli interventi avviati dal 01.01.2021 nonché le spese sostenute fino al termine ultimo per la presentazione della domanda di contributo.

OPERATIVITÀ

Scadenze

Le richieste di contributo devono essere trasmesse esclusivamente in modalità telematica, attraverso lo sportello on line “Contributi alle imprese”, all’interno del sistema Webtelemaco di Infocamere – Servizi e-gov, dalle ore 10:00 del 29.03.2021 fino al momento in cui risulteranno esaurite le risorse stanziate e, comunque, entro e non oltre le ore 24:00 del 30.11.2021.

Durata stimata dell’istruttoria

La Camera di Commercio dispone l’erogazione del contributo spettante, in un’unica soluzione, al netto delle ritenute di legge, di norma entro 60 gg. dalla data di presentazione della domanda.

Criteri di selezione / elementi premianti

Le domande vengono valutate in ordine cronologico. A parità di data di trasmissione, l’ora/minuto di invio non determineranno alcuna precedenza nella graduatoria di ammissione a contributo. Le fatture devono essere allegate alla domanda, quietanzate e contenere natura, qualità e quantità dei beni e servizi formanti oggetto dell’operazione, anche in codice purché sulla fattura sia riportata la legenda dei codici merceologici utilizzati, anche ai fini dell’imposta sul valore aggiunto.

COSA FACCIAMO PER IL CLIENTE

  • Identificazione delle spese ammissibili
  • Identificazione della cumulabilità delle medesime spese con altri strumenti di agevolazione pubblica
  • Presentazione della domanda di agevolazione pubblica

 

PER MAGGIORI INFORMAZIONI





Ho letto ed accetto la privacy

 

Maggiori informazioni