Credito d’imposta R&S

COME OTTENERE IL CREDITO D’IMPOSTA
RICERCA E SVILUPPO – R&S

Di cosa si tratta?

Le imprese che svolgono o hanno svolto attività di Ricerca industriale e Sviluppo sperimentale negli anni 2015, 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020 possono beneficiare di un’agevolazione fiscale sotto forma di credito d’imposta detto anche Bonus Ricerca & Sviluppo.
Il beneficio, pari al 50% dei costi ammissibili sostenuti, viene riconosciuto a tutte le imprese, di qualsiasi dimensione, natura, settore di appartenenza, forma giuridica e regime contabile adottato.

Cosa finanzia?

Il credito d’imposta ricerca e sviluppo spetta quando l’azienda ha impiegato personale interno o sostenuto costi esterni per attività di:

1. Ricerca fondamentale: lavori sperimentali o teorici svolti, aventi quale principale finalità l’acquisizione di nuove conoscenze sui fondamenti di fenomeni e di fatti osservabili, senza che siano previste applicazioni o utilizzazioni pratiche dirette;

2. Ricerca industriale:
ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze, da utilizzare per mettere a punto nuovi prodotti, processi o servizi o permettere un miglioramento dei prodotti, processi o servizi esistenti;
creazione di componenti di sistemi complessi necessaria per la ricerca industriale, in particolare per la validazione di tecnologie generiche;

3. Sviluppo sperimentale:
– acquisizione, combinazione, strutturazione e utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica, commerciale allo scopo di produrre piani, progetti o disegni per prodotti, processi o servizi nuovi, modificati o migliorati; può trattarsi anche di altre attività destinate alla definizione concettuale, alla pianificazione e alla documentazione concernenti nuovi prodotti, processi e servizi; tali attività possono comprendere l’elaborazione di progetti, disegni, piani e altra documentazione, purché non siano destinati a uso commerciale;
– la corrispondente disposizione del decreto attuativo ha ricompreso, tra le attività ammissibili nell’ambito dello sviluppo sperimentale, anche gli studi di fattibilità quando svolti nelle fasi di ricerca o funzionali allo sviluppo di nuovi prodotti, processi o servizi;
realizzazione di prototipi utilizzabili per scopi commerciali e di progetti pilota destinati a esperimenti tecnologici e/o commerciali, quando il prototipo è necessariamente il prodotto commerciale finale e il suo costo di fabbricazione è troppo elevato per poterlo usare soltanto a fini di dimostrazione e di convalida;
produzione e collaudo di prodotti, processi e servizi, a condizione che non siano impiegati o trasformati in vista di applicazioni industriali o per finalità commerciali.

Quali sono i costi ammissibili?

a) Spese per impiego di personale in attività di ricerca e sviluppo;
b) Commesse di ricerca contrattuale (extra-muros);
c) Ammortamenti funzionali di attrezzature e strumenti di laboratorio;
d) Privative industriali e Competenze tecniche per attività di assistenza alla generazione di marchi e brevetti.

Quanto finanzia?

Il Credito d’imposta è riconosciuto nella misura del 50% di tutti i costi ammissibili, fino ad un importo massimo annuale di euro 20 milioni per ciascun beneficiario, a condizioni che siano sostenute spese per attività di ricerca e sviluppo almeno pari a 30 mila euro;
Non genera plusvalenza attiva: il beneficio non viene tassato ed è interamente usufruibile direttamente in compensazione su tutte le imposte tramite F24 sebbene sia particolarmente utilizzato per compensare l’IVA a debito.

Cosa è necessario fare per ottenere il credito d’imposta?

Si tratta di un’agevolazione automatica: non è necessaria l’approvazione di alcun Ente o Commissione, bensì si può procedere autonomamente alla compensazione con modello F24 dal periodo d’imposta successivo a quello in cui sono stati sostenuti i costi.
Tuttavia, poiché il credito di imposta è una agevolazione di tipo automatico, occorre prestare particolare attenzione nel supportare, dimostrare e rendicontare quanto si è fatto.
Per questo motivo è fortemente consigliato affidarsi a società di consulenza che abbiano un’esperienza specifica ed uno staff di esperti tecnici, economici, legali e fiscali che collaborino collegialmente per una corretta interpretazione della normativa.

In cosa possiamo esserti utile?

Ci occupiamo di tutti gli aspetti necessari sia tecnici che economici:

  • Analisi approfondita dei progetti o attività per identificare quelle ammissibili;
  • Verifica di cumulabilità con altri incentivi per massimizzare il risultato agevolativo;
  • Raccolta dati, verifica formale ed eventuale rielaborazione della documentazione;
  • Validazione dell’attività di ricerca e sviluppo;
  • Calcolo dell’importo incrementale e del credito d’imposta spettante;
  • Elaborazione della Relazione tecnica riepilogativa delle attività svolte;
  • Perizia asseverata per attestazione di coerenza con la normativa;
  • Eventuale Scouting di Competenze tecnico scientifiche o Organismi di Ricerca se richiesto dal committente per risolvere problematiche di sviluppo dei progetti.

Richiesta Consulenza Tecnica

Desidero essere contattato per approfondire questo argomento.

Ho letto ed accetto la privacy